NonSoloGossip

Curiosità, news e tanto altro dalla tv al web

Da Amazon lotta ai falsi, ecco come funziona il Project Zero

Amazon rafforza il suo impegno contro la contraffazione ed estende Project Zero, il programma per ridurre il fenomeno, ad altri 7 Paesi (Australia, Brasile, Olanda, Arabia Saudita, Singapore, Turchia e Emirati arabi) arrivando così a quota 17 Paesi, inclusa l’Italia. Lo ha detto in un’intervista all’ANSA Dharmesh Mehta, vicepresidente di Amazon Customer Trust e Partner Support, nel fare il punto sulle attività della piattaforma e-commerce per la lotta ai falsi.
Lo scorso giugno Amazon ha istituito l’unità contro i crimini da contraffazione, oltre ai programmi mirati come Project Zero, Transparency e Brand Registry. “La contraffazione colpisce il commercio globale e dobbiamo collaborare con le forze dell’ordine, i brand, i fornitori di servizi di pagamento e i rivenditori al fine di combatterla efficacemente” ha sottolineato Mehta. In particolare, “Project Zero – ha aggiunto – è un programma innovativo che consente ai marchi di aiutarci a ridurre la contraffazione combinando la forza delle protezioni proattive automatizzate del marchio di Amazon, la copertura completa del tracciamento delle unità e un nuovo strumento self-service che per la prima volta offre ai titolari dei diritti il potere di rimuovere i prodotti sospetti direttamente dai nostri negozi virtuali”.
Oltre 10mila marchi registrati hanno aderito a Project Zero, dai grandi marchi globali agli imprenditori emergenti, tra cui ad esempio Arduino, BMW o Salvatore Ferragamo. “Amazon – ha detto ancora Mehta – è stata tra le prime aziende a collaborare con la Commissione Europea per stabilire un protocollo d’intesa di settore, per combattere la vendita di merci contraffatte tramite internet”. Questa intesa ha portato i sottoscrittori a incrementare la quota di inserzioni rimosse volontariarmente, quota che secondo i dati di Bruxelles è salita al 97% del totale contro l’86% del 2016.
I contraffattori, secondo gli ultimi dati raccolti da Amazon nel rapporto trimestrale che fornisce alle autorità americane, hanno sede generalmente negli Usa, Emirati Arabi Uniti, nella Repubblica Dominicana, nel Regno Unito e in Cina, Germania, Spagna, India, Italia, Giappone, Corea e Canada. “Esortiamo i governi a fornire finanziamenti sufficienti alle forze dell’ordine per garantire che siano attrezzate per adottare un approccio specializzato e internazionale nelle indagini”, ha sottolineato Mehta. “Segnaleremo tutti i contraffattori verificati alle autorità competenti negli Stati Uniti, in Europa,in Cina e in tutto il mondo”.
A riprova della lotta contro i prodotti contraffatti, Metha ha annunciato che in questi giorni “Amazon e KF Beauty hanno intentato una causa congiunta contro quattro società e 16 persone per contraffazione dei prodotti cosmetici per le sopracciglia Wunder2 della società KF Beauty, incluso Wunderbrow, e per aver messo in vendita i prodotti illeciti negli store di Amazon in violazione delle politiche della piattaforma di e-commerce e dei diritti di proprietà intellettuale”. Nella causa, depositata presso la Corte distrettuale di Washington, si sostiene che “i sospetti avrebbero cospirato e operato di concerto tra loro per contraffare i prodotti di KF Beauty”.
Se i sospettati saranno giudicati colpevoli, Amazon intende lasciare a KF Beauty tutto il ricavato dalla causa. Nel frattempo, il gigante dell’e-commerce ha già provveduto a rimborsare tutti i clienti che hanno pagato e ricevuto prodotti KF Beauty contraffatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *