NonSoloGossip

Curiosità, news e tanto altro dalla tv al web

Exodus – Dei e re: trama, cast e curiosità del film biblico con Christian Bale nei panni di Mosè

Kolossal biblico uscito nel 2014 e basato chiaramente sulle storie del popolo ebraico narrate all’interno dell’Esodo, il secondo libro della Bibbia, Exodus – Dei e re è diretto dal grande regista inglese Ridley Scott e va in onda domenica 26 aprile su ReteQuattro a partire dalle 21.15. Nel cast, tra i tanti attori di livello assoluto, spiccano Ben Kingsley, Christian Bale e Sigourney Weaver.

Exodus – Dei e re, il trailer

[embedded content]

Exodus – Dei e re, la trama

Ovviamente tratto dal libro dell’Esodo, secondo tomo della Bibbia, il film narra di Mosè, un uomo che ha avuto il coraggio di sfidare la potenza di un impero, quello egiziano, per poter ridonare la libertà al proprio popolo.

La storia è quella nota: Mosè è ebreo ma viene allevato come egiziano alla corte del Faraone. La presa di coscienza sulla sua vera identità, poi, lo porta ad abbandonare il suo posto di privilegio per abbracciare la causa della liberazione ebraica dall’Egitto…

Exodus – Dei e re, il cast

Christian Bale (L’impero del sole, Enrico V, Ritratto di signora, Batman Begins, The Prestige, American Psycho, L’uomo senza sonno, The Fighter, Hostiles – Ostili, American Hustle – L’apparenza inganna) è il protagonista, il patriarca biblico Mosè, mentre Joel Edgerton (Star Wars, King Arthur, Kinky Boots – Decisamente diversi, The Square, Life, Il grande Gatsby, Life) interpreta il faraone egiziano Ramses.

Aaron Paul (Breaking Bad, Mission: Impossible III, Need for speed, K-PAX – Da un altro mondo) veste i panni di Giosuè, anch’egli un patriarca ebraico, e John Turturro (Cercasi Susan disperatamente, Fa’ la cosa giusta, Mac, Il grande Lebowski, Fratello, dove sei?, Transformers) ha invece il ruolo di Seti, padre di Ramses. Ben Kingsley (Gandhi, Bugsy, Schindler’s List – La lista di Schindler, La dodicesima notte, Oliver Twist, Slevin – Patto criminale, Shutter Island, Iron Man 3, War Machine) presta il suo volto a Nun e Sigourney Weaver (Alien, Ghostbusters, Heartbreakers – Vizio di famiglia, The Village, Avatar, Rampart, The Defenders) è invece Tuya.

Exodus – Dei e re, curiosità

Le riprese sono state concluse in 74 giorni.

A un certo punto, si vede la Sfinge di Giza: è una delle statue più antiche che si conoscono ed è stata costruita circa 1200 anni prima della nascita di Mosè.

Ridley Scott ha dichiarato ad Access Hollywood che esiste una versione del film con un montaggio alternativo da quattro ore.

Questo film è stato censurato e mai distribuito in Marocco ed Egitto. In particolare il governo egiziano si è dichiarato molto offeso dalla pellicola per via dell’immagine dell’Antico Egitto presentata da Ridley Scott da un lato e per i presunti contenuti sionisti del film dall’altro.

Il film avrebbe dovuto semplicemente intitolarsi Exodus ma è stato aggiunto “Dei e re” perché è la MGM a detenere i diritti per intitolare un film con il nome del secondo libro della Bibbia e non li ha ceduti alla 20th Century Fox, che invece ha prodotto questo film.

Christian Bale avrebbe dovuto interpretare Noè in Noah, il kolossal biblico diretto da Darren Aronofsky sempre nel 2014. Bale dovette rinunciare e al suo posto venne scelto Russell Crowe che, per ironia della sorte, è invece un attore feticcio di Ridley Scott, regista di Exodus – Dei e re.

Oscar Isaac e Javier Bardem avrebbero rifiutato la parte di Ramses.

Il film è stato criticato per avere degli attori europei e statunitensi nei ruoli principali quando, invece, si racconta una storia che vede protagonisti il popolo egiziano, residente nell’Africa del nord, e quello ebraico, di etnia semita. Ridley Scott ha fatto notare che nel mondo contemporaneo un film con soli attori israeliani e africani non otterrebbe mai i finanziamenti sufficienti per iniziare una lavorazione di stampo hollywoodiano. Inoltre diversi storici hanno sottolineato che gli antichi Egizi, da un punto di vista etnico, avevano sicuramente più in comune con gli attuali europei e le popolazioni mediorientali che non con gli africani attuali, sicché scegliere degli europei non è poi così sbagliato come potrebbe sembrare.

Exodus – Dei e re, la recensione

Un film uscito nello stesso anno di Noah, altro kolossal a sfondo biblico rivisitato più secondo la sensibilità del regista che non con una ricerca storica vera e propria o seguendo l’aderenza al testo originale: proprio come il film con Russell Crowe, anche Exodus – Dei e re non pare proprio riuscito fino in fondo nonostante dietro la cinepresa ci sia una leggenda del cinematografo come Ridley Scott: IMDb e MyMovies gli regalano una sufficienza risicata, il primo con un voto secco di 6 su 10 e il secondo attribuendogli 2,58 stelle su 5. TvZap è d’accordo nel ritenere il film tutto sommato mediocre e lo valuta più severamente ancora: non si scappa dal 5,5.

Fonte: TV Zap

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *